Danno derivato ai terzi da incendio di un veicolo

Agli effetti dell'art. 2054 c.c. e dell’art. 1 legge sull’assicurazione obbligatoria n. 990 del 1969 (ed ora art. 122 d.lgs. n. 209/2005) anche la sosta di un veicolo a motore su area pubblica od ad essa equiparata costituisce "circolazione", con la conseguenza che dei danni derivati a terzi dall'incendio del veicolo in sosta, sulle pubbliche vie o aree equiparate, anche se determinato da vizio di costruzione o difetto di manutenzione, risponde anche l'assicuratore, salvo che sia sopravvenuta una causa autonoma (ivi compreso il caso fortuito) che abbia determinato l'evento dannoso. Cassazione civile, sez. III, 11 febbraio 2010 n. 3108.

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito accetti i termini e le condizioni previste per l'utilizzo dei cookie.

> Leggi di più

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.