Attività sportiva. Lesioni personali e risarcimento del danno

In ipotesi di infortunio sportivo subìto nel corso di una partita di calcio, il comportamento da cui scaturisce il fatto lesivo rappresenta un illecito civile (c.c. art. 2043) se dolosamente posto in essere in collegamento di mera occasionalità con la gara, mentre fuori dal caso dell’intenzionalità dolosa della lesione, perché vi sia responsabilità risarcitoria civilistica è necessario non solo che sia configurabile la violazione delle regole sportive, ma anche che detta violazione sia posta in essere con modalità di rude violenza o irruenza, sleali o tali da mettere coscientemente a rischio l’incolumità dell’avversario, in modo che venga superato il cosiddetto rischio consentito nell’ambito della normale alea derivante dalla partecipazione all’attività sportiva. Tribunale di Piacenza, 1° Giugno 2010

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito accetti i termini e le condizioni previste per l'utilizzo dei cookie.

> Leggi di più

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.